Archivio

Archive for agosto 2008

Io VS Resto Del Mondo: 1-0 (tiè)

A proposito di tv…
Devo avere gusti un po’ controcorrente. In questo periodo di ondata di telefilm dagli Statesss, più o meno quando mi capita li "provo", ma sono un po’ pugnetta, e sono più per il classico, è raro che questi nuovi telefilm mi attraggano particolarmente.
Gli unici che mi hanno veramente appassionato ultimamente sono i seguenti:
Heroes, e sappiamo tutti com’è finita, a livello di ascolti qui in Italia. Risultato, spostato a orari improponibili a giorni da indovinare. Per fortuna c’è Verzaverde.
Dirt, un telefilm che ho scoperto per caso che ha per protagonista Courtney Cox (Monica di "Friends") in una versione un po’ più…. hard, diciamo. Telefilm bellissimo, trasmesso su La7 alle 23 di sabato sera. Un successone. Tanto che non si sa se ci sarà una seconda stagione.
Big Shots, in onda in questo momento su Canale 5. Scoperto per caso anche questo, l’ho trovato frizzante e divertente. Come è stato definito, una specie di Sex & The City al maschile. Però molto più bello, finalmente il mondo visto da un gruppo di amici -maschi-, molto particolare. In America l’hanno sospeso definitivamente dopo la prima stagione per scarsi ascolti.
Al chè mi viene da chiedermi se ho veramente dei gusti così de mmerda oppure se è il resto del mondo che è sbagliato.
AHAHAHAHAHAH!! Stavo scherzando ovviamente, io SO BENISSIMO che è il resto del mondo che è sbagliato, l’ho sempre saputo. Pfui.

Annunci
Categorie:Tanto niente

….e godo……!!!!!!

Mhhhpfffff…. Mmmmmhhhhfffff….
Giuro, ci sto provando, ci ho provato tutto il giorno…. Zitta Baby, zitta… Non dire niente, zittaaa!! Mmmmmpfffffffff…
shhhhh!shhhhh!shhhhh!shhhhh!shhhhh!shhhhh!
Ho provato a tenere la bocca chiusa, ma mi scappa…. mi scappa… Faccio finta di niente ma mi scappa….
Perchè non è bello da dire e so che il 99,9% degli italiani mi odierà, ma è troppo bello…. E’ un altro piccolo sogno che si avvera…. E’ più che giuoia, è soddisfazione, è incredulità, è tripudio…. Insomma GODO come un riccio.
Forse è davvero solo per un giorno, ma fatemi godere per un giorno!! Io sono d’accordo, dite quello che volete ma per me è così che dev’essere….

VOLETE VEDERE IL CALCIO? PAGATELO!!!!!!!

Godogodogodogodogodogodogodogodogodogodogodo
godogodogodogodogodogodogodogodogodogodogodo!!!!!!!!!!

PS. Oggi abbiamo raggiunto il traguardo delle 11.111 visite al mio blog. Un grazie sincero a tutti gli amici e amiche (e parenti!) che ritrovo qui o che ho conosciuto grazie a questa cosa stupida del blog. Subito mi sembrava una stronzata, e forse LA è, ma alla fine… a me, me piace!! ^^ 
Grazie a tutti, uno per uno, vi tornerò a rompere i coglioni al traguardo delle 22.222 visite.

Categorie:Io Felice

Immaginate

Immaginate che sia sera, arrivate a casa e vi togliete i pantaloni, dimenticandovi che avete in tasca il vostro solito fazzolettino di carta.
La mattina, vi alzate, vestite, e siccome vi siete dimenticati che ce l’avete già mettete in tasca un altro fazzolettino, e così uscite belli contenti.
Al primo starnuto, mettete la mano in tasca ed estraete il vostro fazzoletto, soffiate il naso e lo gettate via. Poi vi sedete, ma vi accorgete che c’è qualcosa di strano: è come se in tasca aveste qualcosa. Infilate la mano ed estraete un altro fazzoletto, quello dimenticato lì dal giorno prima.
Due pensieri si susseguiranno nella vostra mente:
1. Sono impazzito e ho solo pensato di buttarlo via oppure ne avevo veramente due?
2. Come ho fatto a non accorgermi che ne avevo in tasca due che fanno pure fatica a starci?

Bene. Adesso immaginate altre cose che non siano fazzoletti e che è decisamente inconsueto dimenticare di avere con sè.
Ve lo immaginate? No, io non credo.
Inconsueto, non impossibile.

Categorie:Tanto niente

Piccoli sogni si avverano

E’ una cavolata, lo so, ma sono molto molto felice perchè sto per realizzare uno dei miei sogni, un piccolo sogno che ho da tanto tempo e chissà perchè non pensavo l’avrei realizzato. Grazie alla mia dolce metà che mi ha convinto, tra un mese esatto saremo a Bologna al concerto dei mitici REM!!
L’avevo detto, è una cavolata, ma da quando ho 11 anni ho sempre sognato di vederli dal vivo, e finalmente sta per succedere!


Categorie:Musica

Neurosis @ Senigallia

Ieri, seconda trasferta marittima per concerto. Infatti sabato sera c’è stato lo storico concerto dei Neurosis al Mamamia di Senigallia.
Il viaggio è stato molto più rilassante di quello a Roseto il mese scorso, infatti siamo partiti sabato pomeriggio e tornati subito dopo il concerto, riuscendo a essere a casa per le 4 di domenica mattina nonostante il traffico. Il viaggetto è stato perfetto (che fa pure rima), a parte che in due siamo riusciti a quasi distruggere la macchina del suocero (che ci presta per i nostri spostamenti perchè è a metano), Erre ha pensato alla fiancata destra, mentre io mi sono occupata della friggitura della frizione…. ImbarazzatoImbarazzatoImbarazzato
Ovviamente abbiamo sorvolato su questi piccoli "imprevisti" con il proprietario, e suo padre tutto sommato è stato contento che comunque gli abbiamo riportato a casa la macchina.
Il concerto invece è stato super. Meraviglioso. Anche la location ha avuto la sua parte, il Mamamia estivo è veramente un bel posto, e c’era un’atmosfera particolare che ha reso ancora più bello tutto l’insieme. Loro bravissimi, concerto superlativo, veramente. Il momento topico è stato proprio all’entrata, quando senza quasi che me ne accorgessi, in un nanosecondo Erre è sparito, ed è riapparso addosso ad un tipo che non conoscevo, ma mi ha indicato di sbrigarmi e fargli una foto… Il tipo in questione era il suo mito Steve Von Till, chitarrista e voce dei Neurosis, che si è prestato, anche se inizialmente un po’ controvoglia, a fare lo scatto insieme a lui. Erre per un’oretta è stato come un bambino la notte di Natale prima di aprire i regali.

Erre & Steve Von Till


Categorie:Viaggi

Condominio Narciso – Nona puntata

Episodio estivo speciale per la vostra sitcom del cuore.
Le vicende degli inquilini di Condominio Narciso si susseguono piacevolmente senza particolari imprevisti. Ma in questo episodio, una minaccia si rifà sotto con insistenza, ricordandoci che nel Condominio, nonostante il caldo e le vacanze, non bisogna mai abbassare la guardia.
A differenza dell’anno scorso, i vicini della casa di fronte della vostra affezionatissima, non sono andati in vacanza. Lui, l’ex galeotto, la moglie dalla voce insopportabile (e che ogni tanto prende sberle dall’ex galeotto) e i loro odiosi figli, non hanno lasciato la dimora per l’estate. Anzi, ospitano il fratello di lui con relativa famiglia completa di adolescenti e poppanti urlanti.
Se ben ricordate, amici telespettatori, la famigliola possiede una grande veranda proprio di fronte al balcone della vostra eroina, in linea d’aria 6 metri. Su codesta veranda, i nostri sono soliti traslocare per tutta l’estate, iniziando dalla colazione al mattino per finire con interminabili cene notturne insieme a parenti e amici. Si dà il caso che su questa veranda abiti anche il loro cane, una specie di Mocio Vileda lurido che zompetta qua e là facendo un casino incredibile, chiamato Ronni.
Il nostro ex galeotto, tutte le mattine verso le 7 ha la buona abitudine di portare il buon Ronni a fare due passi nella strada chiusa sotto casa (e sotto la camera della vostra affezionatissima). Dopodichè, all’ora del rientro in casa, il cagnetto evidentemente sparisce. E il suo padrone alle 7 del mattino giustamente inizia a cercarlo: "Ronniiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!! RONNIIIIIIIIIIII!!!!", urlando a squarciagola per tutto il vicinato. E ci si lamentava del gallo sfasato.
Altra buona abitudine adottata dai patriottici nonchè molto partenopei vicini, è chiamare al paisiello ogni sera. Gesto molto nobile. Quest’anno è capitata anche la svolta tecnologica: il telefono con vivavoce, appoggiato come un trofeo sul tavolino in veranda e con tutti loro seduti attorno che chiamano insieme i parenti lontani.
Il vicinato ringrazia, in effetti le telefonate che già si sentivano in passato lasciavano un po’ così: finalmente si può sapere cosa rispondono dal parentado, una svolta epocale. Soprattutto quando il suddetto telefono con vivavoce viene utilizzato nel medesimo modo all’una di notte per fare allegri scherzi telefonici in compagnia agli amici, chiamandoli innumerevoli volte e spaventandoli con una trombetta. A seguire, risate a squarciagola da entrambe le parti. E il vicinato, continua a ringraziare.
La vostra affezionatissima ha più volte valutato misure repressive quali molotov, bombecarta, uova marce e varie. Per il momento, la sua rivolta si è semplicemente manifestata con un sequestro di pallone. Con la promessa che ogni altra palla che varcherà il confine, non verrà mai più restituita. A costo di riempire il garage. Per il momento è stata fatta la prima prigioniera, e non ci sono margini di trattativa per il rilascio. E’ spacciata.

!!SPOILER SUI PROSSIMI EPISODI!!
Vedrete un rave di animali sul balcone della vostra eroina
Scoprirete la vera storia della panchina di Condominio Narciso
Saprete in esclusiva la figura di cacca della vostra eroina con i vicini e il barbecue.

Tutto questo e molto altro nei prossimi episodi di Condominio Narciso, stay tuned!! 

Categorie:Casa

E la Coop dovrei essere io??

Devo dire che da quando l’anno scorso ho avuto la malaugurata idea di mettere il testo della canzone di Cicciolina in occasione del suo concerto che ero andata a vedere, le visite al mio blog attraverso le chiavi di ricerca hanno subìto un incremento esponenziale. E il bello è che il trend non accenna a diminuire, continuo a ricevere un sacco di visite grazie a quella canzone.
Ma vabbè, non è di questo che volevo parlare oggi, come al solito divago (come il Dott. Divago, quello della cintura. Ahahah. Ah. Ehm. Questa non la capirà nessuno…)
Dicevo, oggi voglio parlare di un’altra cosa, non so se avevo già trattato l’argomento in precedenza, ma se è così pazienza. Mi ripeterò.
Parliamo della spesa. In particolare della spesa alla Coop. Io odio fare la spesa, lo odio più che fare le pulizie, è una cosa che ho sempre detestato e sempre detesterò. Intanto mi fa schifo vedere la gente nell’espletamento del consumismo più puro, vedere che riempie carrelli con ogni genere di schifezza secondo la solita filosofia dell’abbondanza, che poi magari due terzi di tutta quella roba andrà a finire nell’immondizia. Io sono quella della spesa giorno per giorno (ebbene sì, nonostante lo odi), perchè ancora di più odio gli sprechi, e soprattutto quelli sul cibo. Solitamente compro "per pasti", cioè compro quello che ho intenzione di consumare effettivamente, e non per "fare scorta che non si sa mai". La scorta magari la faccio sui fazzoletti di carta, o sulla carta igienica, o sugli assorbenti, se sono in offerta. Roba che non scade, e che comunque prima o poi userai.
Questo per quanto riguarda la parte filosofica del fare la spesa. La parte pratica è pure peggio. Odio spingere il carrello, non sono capace, ha sempre le ruote sfasate e prendo sempre la scossa se tocco il ferro. E poi la gente non lo sa guidare (e mi ci metto io per prima) quindi è un attimo schiacciare le dita di uno, investire un bambino o fare i garetti a quello davanti. E poi per una strana legge universale, la gente fa picchetto sempre e comunque davanti allo scaffale che serve a te. Tutta la corsia è libera, ma fidati che davanti agli Special K al cioccolato ci sono 14 persone. E si sa quanto io AMO le persone……..
Ma la cosa che in assoluto mi rompe, mi scoccia, mi indispone e mi urta di più, è il dentro-e-fuori della roba nel carrello. Cioè, ci avete mai pensato? Prendi la roba dallo scaffale, la metti nel carrello. Vai alla cassa, e la tiri fuori dal carrello. Paghi, e la rimetti nel carrello.
Il Salvatempo è un’invenzione semplice e geniale. Io sono una grande fan del Salvatempo, perchè mi risolveREBBE alcuni notevoli problemi: il dentro-e-fuori in primis, poi il fatto che le sportine me le faccio già nel carrello mentre prendo le cose che mi servono, così le organizzo tipo Tetris come dico io, e non con l’ansia della cassa che c’è dietro gente che aspetta. E vogliamo mettere il discorso della privacy? A me da fastidio che la gente guardi quello che compro. Quando tutta la tua spesa è lì sulla cassa volendo si può capire molto di te. E io non ci tengo a far sapere a tutti che mi nutro di latte e cereali e uso i Tampax verdi. Arrivare alla cassa con le sportine pronte, pagare e andar via, è stata una rivoluzione per me che quasi quasi mi iniziava a piacere fare la spesa.
Ma non va proprio così. Perchè come accennavo, il Salvatempo risolveREBBE questi problemi. Sempre che tu non sia sfigata come la sottoscritta e che una volta sì e una pure gli viene chiesta la rilettura. Tipo oggi. O tipo come tutte le volte che ho 3 sporte di roba. Certamente non quando compro i chewing-gum, un cartone di latte e una scatola di biscotti. Eh no, perchè sennò che gusto c’è?
Quindi continuo ad odiare andare alla Coop, e se vogliamo odio ancora di più andare a quella di Castelfranco perchè non ha una fava, e quello che ha ce l’ha disposto in un modo infame, forse in ordine alfabetico, forse estratto a sorte, chi lo sa. Fatto sta che ogni volta ci perdo ore a fare avanti e indietro a cercare le cose, e poi comunque non le trovo mai.
Però non la prendo in cattiveria. Vado per inerzia. Infatti solitamente arrivo alla cassa talmente sfinita che mi appoggio al carrello e non ho più voglia di andare avanti (tanto lo so che mi aspetta la rilettura), infatti sono la gioia delle vecchiette, perchè le faccio sempre passare davanti. Davvero. Perchè guardano quello che hai nelle sportine per vedere se farai presto. E allora le mando avanti così almeno si fanno i fatti loro e sono contente. E poi almeno faccio una buona azione come espiazione a tutte le bestemmie che ho tirato mentre facevo la spesa, però non lo so mica se vado in pari…

Categorie:Tanto niente