Archivio

Archive for the ‘Notizie e politica’ Category

Post politico

Il primo e l’ultimo.
 
Ma non posso tacere, ho il nervoso da ieri sera. Anzi, sono proprio incazzata nera.
Markette, ieri sera. Ospiti la vedova Almirante e Vauro. Dialogo che vale la pena di essere immortalato qui.
 
Vauro: "Quello che non tollero, è che per festeggiare la vittoria di Alemanno, a Roma, gruppi di cittadini l’hanno salutato con il saluto romano. E’ inconcepibile."
Almirante: "Beh, ma il saluto romano… Io sono un’igienista, amo molto l’igiene, e trovo che il saluto romano sia molto igienico, piuttosto che dover stringere delle mani sudate…"
Vauro: "Le mani sudate sono quelle di chi lavora!!"
Almirante: "Io lavoro da una vita, sono un’imprenditrice e non ho mai avuto le mani sudate."
 
Ora.
Qui perdo tutto il mio savoir-faire, e mi sbilancio: DOVETE MORIRE TUTTI QUANTI, brutta vecchia stronza fascista che dice che il 25 aprile è un giorno come gli altri, tu e tutti quei fottuti merdosi imprenditori con le mani asciutte e pulite che non hanno LA MINIMA IDEA di come vive la gente VERA, che lavora, che combatte, che crede in qualcosa di diverso dalla supremazia e dalla violenza, siete la rovina non solo dell’Italia ma dell’intera razza umana, una vergogna che abbiate il diritto di andarvene in giro e persino in tv a sputare le vostre cazzate. Il 25 aprile NON è un giorno come tutti gli altri, ma cosa ne può sapere una persona così ignorante, viscida, con un cervello così rinsecchito da credere che il fascismo fosse solo un naturale evolversi della storia? Questa gente non ha idea, non sa nemmeno di che parla, non lo saprà mai finchè non guarderà negli occhi dei nostri nonni, non vedrà il loro sguardo stanco, ma fiero e umile, determinati e semplici soldati della terra, non del regno. Non ne hanno idea.
Siamo a questo punto, sono davvero preoccupata, sento parlare troppo in questi giorni di fascismo e di destra, avrei voluto sentirne parlare per il 25 aprile e sentire questa parola associata a termini tipo "Morto", "Mai più", "Vergogna". Non è così, sono molto affranta e arrabbiata, non so se si era capito.
Talmente arrabbiata che non ho avuto neanche voglia di scrivere della giornata ieri. Rimedierò, appena mi viene voglia.
Chiuso argomento.
Annunci
Categorie:Notizie e politica

Daniele ti amo!!!!!!

In preda all’incazzo per quello che hanno fatto a Danielino e a Decameron, proseguo la mia personalissima campagna pro-Daniele!!!
 

 

 
Categorie:Notizie e politica

Addio a Enzo Biagi

06 Novembre 2007

E’ MORTO ENZO BIAGI, NAPOLITANO: VOCE DI LIBERTA’

Il decesso poco dopo le otto di stamane, aveva 87 anni

Milano, 6 nov. (Apcom) – E’ morto pochi minuti dopo le otto il giornalista Enzo Biagi. La conferma è stata data stamane dalla famiglia. Biagi era ricoverato a Milano presso la clinica Capitanio da venerdì 26 ottobre per accertamenti di routine che, successivamente, aveva reso necessaria una degenza più lunga del noto giornalista per subentrate complicazioni.

Nella mattinata di venerdì le condizioni di Biagi si erano aggravate, poiché ai problemi cardiaci si erano aggiunti problemi renali e polmonari. Ma anche questa ennesima crisi era stata superata "combattendo come un leone", come avevano riferito le figlie Bice e Carla che in questi ultimi giorni non lo avevano mai lasciato.

Questa mattina, però, nonostante i miglioramenti degli ultimi giorni, la situazione era tornata nuovamente ad aggravarsi tant’è che le figlie, raggiungendo in torno alle 7 l’ospedale, non avevano voluto rilasciare dichiarazioni ai giornalisti.

Giornalista, saggista e conduttore televisivo, Enzo Biagi è considerato uno dei più autorevoli giornalisti italiani, il cronista che ha accompagnato, raccontandola, la storia d’Italia per oltre mezzo secolo. Nato 87 anni fa nel piccolo comune del bolognese Pianaccio di Lizzano in Belvedere, il 9 agosto 1920, Biagi ha lavorato per la Rai e per i maggiori quotidiani e settimanali italiani, dal Corriere della Sera a Repubblica, dalla Stampa al Giornale nuovo al Resto del Carlino, da Panorama all’Espresso, da Epoca ad Oggi, pubblicando più di ottanta libri.

Con Enzo Biagi scompare "una grande voce di libertà": lo scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio inviato ai familiari del giornalista deceduto questa mattina."Scompare con Enzo Biagi una grande voce di libertà", si legge nel messaggio del Capo dello Stato. "Egli ha rappresentato uno straordinario punto di riferimento ideale e morale nel complesso mondo del giornalismo e della televisione, presidiandone e garantendone l’autonomia e il pluralismo. Il suo profondo attaccamento – sempre orgogliosamente rivendicato – alla tradizione dell’antifascismo e della Resistenza lo aveva condotto a schierarsi in ogni momento in difesa dei principi e dei valori della Costituzione repubblicana. L’amore per l’Italia e la conoscenza della storia nazionale avevano ispirato la sua opera di scrittore e le sue indagini nel vivo della realtà italiana".

A Enzo Biagi – conclude il presidente della Repubblica – uomo di genuina ispirazione socialista e cristiana rendo riconoscente omaggio a nome del Paese, esprimendo con commosso ricordo personale la più affettuosa vicinanza e solidarietà ai suoi familiari in questo momento di dolore e di rimpianto".

Ieri sono stata fuori e non ho potuto rendere omaggio. Lo faccio oggi, per me è un lutto grave che non può e non DEVE passare inosservato. Un minuto di silenzio è doveroso, un ricordo veramente sentito, perchè non si può dimenticare chi ha veramente dato una voce alla libertà. Grazie per quello che ha fatto, sig. Biagi. Grazie per esserci stato.

Categorie:Notizie e politica

Heroes

26 ottobre 2007 3 commenti

her.jpgIl caso “Heroes” se così si può chiamare, sta suscitando non poche reazioni da parte dei fans.. stiamo ricevendo molte mail di lamentele da parte di nostri visitatori e rispondiamo in maniera unica a tutti: purtroppo non possiamo farci nulla, la programmazione di Heroes è una scelta del management Mediaset e purtroppo non possiamo fare altro che prenderne atto e, al limite, protestare direttamente con la stessa rete che decide cosa fare o non fare di una serie tv.Secondo quanto riportato da TvBlog.It gli ultimi 4 episodi andranno in onda in seconda serata il 7 e il 14 novembre.. quindi almeno ci sarà la possibilità di gustarsi l’atteso finale della prima stagione.. la seconda, visto le ultime decisioni, probabilmente dovremo scordarcela..

Categorie:Notizie e politica

Notiziario del mattino di mercoledì, 27 Giugno 2007

Amici telespettatori buongiorno.
Queste le notizie più importanti per iniziare bene la giornata:
Paris Hilton è tornata in libertà, ieri notte. Sappiatelo. La ricca ereditiera afferma che il carcere sia stata un’esperienza voluta da Dio. Sono più che d’accordo cara, ma poteva impegnarsi a farti stare fuori dai piedi un po’ di più.
Se volete sentirvi più vicini alla povera e bistrattata ragazza, quest’estate potrete aiutarla acquistando la linea di accessori da lei creata ispirata al suo periodo di detenzione. Un must, direi.
Fabrizio Corona svela tutto sulla vita privata di Adriano. Il fotografo dichiara che il calciatore conosce a memoria tutti i bordelli di Lugano, di cui è assiduo frequentatore. Beh, sinceramente, non mi sembra poi tutta sta notizia. Ma è molto divertente il verbale di Corona, se vi va di perdere due minuti a leggerlo. Ne trasuda un certo spessore culturale/intellettuale.
Novità anche nel mondo dei cartoni: nel 2008 la Warner distribuirà il nuovo cartone per la tv di Spiderman! Evviva! Speriamo non sia ispirato all’ultimo film che vede protagonista l’eroe mascherato… Sennò è meglio che vadano avanti con Bugs Bunny e Daffy Duck, ci fanno più bella figura.
Mentre, per l’imminente stagione bollente, non fatevi mancare il nonplusultra della seduzione, l’indumento (se così si può chiamare) che infiammerà la vostra estate ma soprattutto quella dei vostri vicini di ombrellone: il C-String!! Come andare in spiaggia senza? (Potete anche farlo, tanto nessuno se ne dovrebbe accorgere) Questo nuovo capo dovrebbe mandare in pensione il buon vecchio e ormai superato tanga. Mi può anche star bene, ma io non ho capito bene a cosa sta attaccato. Cos’è, velcro? In questo caso non ci dovremmo depilare più… O almeno, farlo in maniera strategica… Uhm… Sono perplessa. Ma spero sinceramente che come moda si riveli un flop, mi fa paura l’idea che fisichini non proprio asciutti e modellati sfoggino questo look in spiaggia!
Naturalmente, se sfoggerete il C-String, avrete più possibilità di conquistare l’uomo dei vostri sogni. Chi preferite? Scamarcio o Raoul Bova? Votate, mi raccomando!
Passando a cose più serie, voglio rassicurarvi e darvi la lieta novella: Eddie Murphy è proprio il padre del figlio di Mel B.!! Il test del DNA l’ha confermato… Non ci sentiamo tutti molto più sollevati, ora?
Un altro lieto evento ci arriva dalla famiglia Cruise, che sembra si stia allargando ulteriormente. La notizia della nascita di un bebè è sempre una cosa bella, ma si può dire lo stesso anche se stiamo parlando di un potenziale nuovo adepto di Scientology? Ai posteri l’ardua sentenza…
E dev’essere molto felice anche il piccolo maghetto Harry… Ops, Daniel Radcliffe, che si è fidanzato. E non con un cavallo, sembra sia proprio una ragazza. Meno male, ha rimesso la testa a posto.
Ci sarebbero poi tante news che riguardano le vostre (e sottolineo: VOSTRE!) vite parallele su Second Life, ma sappiate che questa autorevole testata giornalistica non le prenderà in considerazione, in quanto contro ai principi dei giornalisti (io). La redazione (sempre io) si dissocia dal dare rilievo a questa realtà virtuale, per scelta morale ma, soprattutto, perchè non ci ha mai capito una mazza e non ha voglia di perderci nemmeno un minuto per capire.
Con questo vi salutiamo, arrivederci alla prossima edizione del vostro giornale on-line preferito.
Categorie:Notizie e politica

Buone notizie

Ancora notizie, ma questa volta serie, serissime.
Talmente serie che non voglio nemmeno che vi affatichiate a cliccare su un link, copio qui direttamente la notizia.
Grazie Cri per la segnalazione!!!
 
Modena: Filcams denuncia violazioni contrattuali alla Logos 

Modena – La Cgil di Modena insieme al sindacato di categoria Filcams Cgil denuncia un pesante clima aziendale fatto di irregolarità contrattuali e violazioni nei confronti dei dipendenti alla Logos Group, importante azienda modenese di rilievo internazionale, fondata dal cileno Rodrigo Vergara, che offre una ampia gamma di servizi multimediali e soluzioni linguistiche integrate (editoria, traduzioni multilingue e interpretariato, software linguistici di supporto alla traduzione, ecc…).

La Cgil di Modena insieme al sindacato di categoria Filcams Cgil denuncia un pesante clima aziendale fatto di irregolarità contrattuali e violazioni nei confronti dei dipendenti alla Logos Group, importante azienda modenese di rilievo internazionale, fondata dal cileno Rodrigo Vergara, che offre una ampia gamma di servizi multimediali e soluzioni linguistiche integrate (editoria, traduzioni multilingue e interpretariato, software linguistici di supporto alla traduzione, ecc…).

L’azienda già nel 1998 fu al centro di un’ispezione da parte di Inps e Inail, che contestarono una clamorosa evasione contributiva di svariati miliardi di lire, ai danni del personale allora assunto prevalentemente con contratti di collaborazione, che di fatto mascheravano veri e propri rapporti di lavoro dipendente.
La tendenza a gestire l’azienda in modo spregiudicato e in violazione ai diritti dei lavoratori, non è cambiata in questi anni, tanto che – mentre è arenata la causa intentata da Inps e Inail, e molto probabilmente a seguito di quelle ispezioni – la proprietà ha deciso una “ristrutturazione” scorporando l’azienda in oltre 10 società diverse, ognuna con meno di 15 dipendenti (e centinaia di collaboratori e consulenti), tutte però con sede in via Curtatona 5/a a Modena. Una frammentazione aziendale che non consente (per le ridotte dimensioni e numero di addetti) l’esercizio dei principali diritti sindacali – elezioni di delegati, diritto di assemblea contrattazione di secondo livello – e nemmeno l’applicazione dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori (che prevede il reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa, anziché un modesto risarcimento economico).

In una situazione simile, per gli oltre 50 dipendenti – prevalentemente personale femminile qualificato e laureato – diventa difficile, se non impossibile, l’esercizio dei diritti sindacali, per non parlare del ricatto esercitato verso chi dipendente non è, ma semplice collaboratore.

Già diversi mesi fa, alcune lavoratrici del Gruppo hanno contattato la Filcams/Cgil per veder tutelati i propri diritti: in particolare contestano la prassi diffusa degli straordinari non pagati, il sottoinquadramento (fino a 4 livelli in meno rispetto alla qualifica), ferie e permessi non goduti che però figurano in busta paga, trasferte retribuite come normale orario di lavoro senza alcun riconoscimento di straordinario e periodi compensativi di riposo.
Il Sindacato si è attivato per tentare di risolvere con la contrattazione aziendale i problemi sollevati dalle lavoratrici e arrivare ad una soluzione condivisa con l’azienda. Dall’azienda non solo non è mai venuta nessuna risposta, ma al tentativo di nominare i rappresentanti sindacali aziendali e tenere l’assemblea nel luogo di lavoro, è stato negato l’ingresso alla delegazione sindacale (compreso il segretario generale della Cgil di Modena).

Oltre ad aver tentato di sensibilizzare gli organi ispettivi (Inps, Inail, Medicina del Lavoro) senza aver avuto riscontro, il Sindacato ha fatto ricorso per attività antisindacale (art. 28 legge 300/70 “Statuto deiLavoratori”), dimostrando che è legittimo nominare delegati aziendali trattandosi palesemente di un’unica società. I legali dello studio Fiorini e Bova hanno dimostrato nel ricorso che esiste un collegamento economico e funzionale fra tutte le società del gruppo, che i dipendenti delle singole società lavorano contemporaneamente e indifferentemente per tutte, che i clienti vengono fatti trasmigrare con disinvoltura dall’una all’altra società, che le fatture di vendita vengono gestite da un unico addetto, che tutte le società hanno stesso oggetto sociale, stessa attività, stessa sede e addirittura stesso numero telefonico e sito Internet.
Il giudice del lavoro Claudio Bisi, non ha però tenuto in alcun conto le richieste avanzate e ha rigettato il ricorso di prima istanza, sostenendo che nell’era di Internet e della comunicazione di massa non è più così necessaria l’informazione e l’attività sindacale interna all’azienda, come negli anni Settanta in cui fu emanato lo Statuto del Lavoro.

“Ci lascia esterrefatti una sentenza che senza entrare nel merito della dimensione aziendale da noi contestata – hanno spiegato stamattina in conferenza stampa i sindacalisti – fonda gran parte del suo giudizio sulla inattualità dello Statuto dei Lavoratori (e degli strumenti da esso approntati, quali le assemblee sui luoghi di lavoro) per la difesa/tutela dei diritti di chi lavora”.
Ugualmente sconcerta che l’unico possibile danno per i lavoratori che il giudice rileva è meramente economico, ovvero il mancato pagamento delle ore per assemblee e permessi sindacali (in tutto una ventina di ore) che non sarebbero però tali da motivare un ricorso per attività antisindacale ex art. 28.
Cgil e Filcams/Cgil di Modena non si fermano però qui: andranno avanti nelle successive istanze di giudizio, perché ritengono, come le lavoratrici e i lavoratori, che siano stati violati diritti e tutele, che sia giusto avviare un corretto clima di relazioni aziendali a Logos Group e soprattutto che lo Statuto dei Lavoratori nell’era di Internet non è andato in soffitta, ma oggi come 40 anni fa è strumento fondamentale di tutela e legalità.

(Data e ora pubblicazione: 22-05-2007 ~ 15:15)

Categorie:Notizie e politica

Rassegna Stampa

Questa mattina ho voglia di fare un servizio socialmente utile. Ho pensato di fare un po’ di informazione per i miei mille mila di milioni di chilometri cubi di lettori, in quanto ci sono notizie che non possono proprio essere ignorate. Prego notare anche il font da autorevole testata giornalistica.
Iniziamo subito col segnalare l’imminente settima edizione del Masturbate-A-Thon, una specie di maratona benefica tipo il nostro Telethon, ma con modalità…. ehm, diverse. Facciamo che chi è interessato può andare a consultare direttamente il sito ufficiale, per tutte le info. La location è un po’ fuori mano, si terrà infatti il prossimo 26 Maggio al Porn Palace a San Francisco. So che adesso molti di voi staranno ridendo, ma è tutto assolutamente vero. Vedere per credere.
La prossima notizia riguarda una nostra vecchia conoscenza, per la serie a volte ritornano. Ebbene, è tornato.
Ne avevo avuto i sentori quando il mio amico Robi, dalla Spagna, mi diceva che là si sente spesso parlare di lui per via del suo nuovo disco. E infatti eccolo arrivato anche qui da noi, il trionfale (mah?) ritorno di Miguel Bosè, con un disco pieno di duetti per celebrare i suoi trent’anni di attività. Lui diceva che ne sentiva il bisogno, contento lui contenti tutti. Comunque nel cd si trovano anche collaborazioni molto importanti, per citarne uno Micheal Stipe dei Rem. Che sapendo i gusti sessuali di entrambi, come farò a dormire ora, immaginando quello che possono aver fatto quei due durante la registrazione del pezzo? Meglio non pensarci.
Che poi, recentemente il povero Miguel ha dichiarato di essersi dedicato (musicalmente parlando) unicamente al mercato della Spagna, negli ultimi anni. Questo perchè in Italia non si è sentito capito. ETTECREDO poverino, qui c’è gente che nemmeno sa cosa c’entra con le Bratz!!!!!
Un’altra notizia riguarda la nostra povera Britney. Oh? Ci siete rimasti male anche voi, vero? Eppure.. sì, è ancora viva, e sembra anche abbastanza vegeta. Felice e innamorata, si è fatta fotografare nel giardino di amici quasi in topless. Una notizia che era sulle prime pagine di tutti i giornali stamattina, e come avrebbe potuto essere diversamente?
Poi come non segnalare l’album delle figurine di Vasco, di cui potete già trovare le figurine in edicola.
E infine, con un giorno di ritardo, un minuto di silenzio per festeggiare il compleanno di San Bono da Dublino, che ieri ha compiuto 47 anni.
Inchiniamoci.
 
Categorie:Notizie e politica